Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati, nel corso del loro normale utilizzo, si avvalgono di cookie utili a migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all’utilizzo del sito stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su qualsiasi elemento o proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo in conformità alla nostra Cookie Policy.
Informativa – Cookie Policy
Accetto i cookies – I Understand

Londra, esperimento Wi-Fi pubblici: gli utenti sono distratti su privacy e dati personali

Londra_3

Un’indagine condotta da F-Secure per le strade di Londra, dove è stato posizionato un hotspot Wi-Fi “fasullo”, rivela che i cittadini non prestano attenzione alla privacy ed ai dati personali. I passanti, utilizzando la connessione gratuita messa a disposizione, hanno esposto il loro traffico internet, i dati personali e lo stesso contenuto delle e-mail.

All’hotspot, collocato nei quartieri di spicco del mondo politico ed economico londinese, si sono connessi 250 dispositivi nel giro di 30 minuti, la maggior parte dei quali probabilmente in via automatica. Alcuni dati interessanti? I ricercatori hanno estrattcomputero 32 MB di dati, rilevando testi delle mail e password non criptati.

L’indagine ha messo a nudo la leggerezza con la quale gli utenti navigano in rete, accettando addirittura le condizioni d’uso senza leggerle.

Basti pensare che, alcuni cittadini, hanno trascurato del tutto una pagina di Termini e Condizioni introdotta dai ricercatori, accettando una clausola che in cambio dell’accesso alla rete Wi-Fi li impegnava a rinunciare al loro primo figlio o all’animale domestico più caro. Roba da inorridire.

 

Paolo Brandimarte